lunedì 28 novembre 2016

Azioni biotech, ecco perchè torneranno a salire

Abbiamo scritto molti articoli in passato sottolineando come il settore delle azioni biotech fosse sotto pressione, inizialmente per la possibile vittoria della Clinton alle elezioni americane, mai stata dalla parte delle major farmaceutiche, mentre Trump mostrava nel suo programma economico una possibile chiusura dell’Obamare danneggiando le assicurazioni ma dando sollievo alle major e ai loro prezzi di vendita.

La coltre di nebbia delle elezione è svanita e il risultato è stato significativamente migliore per le aziende del settore biotech e le aziende. Una spazzata repubblicana ha creato un panorama sanitario in cui un controllo sui prezzi dei farmaci sia un’ipotesi assai rara se non utopica.

Le azioni biotech da subito hanno risposto molto favorevolmente. Il Nasdaq Biotechnology Index che è rappresentato dall’ETF (IBB) è aumentato dell’11% questo mese. Lo S&P Biotechnology Index che rappresenta le mid-cap e titoli biotech di bassa capitalizzazione è salito del 18%.

A livello statale l’industria è riuscita a sconfiggere una normativa di controllo dei prezzi, chiamata Proposition 61. La California ha sostenuto lo standard dei prezzi sui farmaci, che richiede alle agenzie di Stato il pagamento per la prescrizione di farmaci. Questa proposta è stata una delle misure di scrutinio più costose nel 2016, con quasi $ 130 milioni di dollari per contrastare e sostenere il referendum e il risultato finale è stato una grande vittoria per l’industria farmaceutica.

Nasdaq Biotechnology Index, indice di riferimento azioni biotech, analisi tecnica, medie mobili, 3 anni, medio periodo

Fusioni e acquisizioni

Il clima normativo incerto prima delle elezioni ha bloccato il ritmo di acquisizione nel settore della sanità. Le Big Pharma si sono trattenute nel perseguire obiettivi in previsione sulla chiarezza politica. Ci sono stati un paio di acquisizioni, Medivation acquistata da Pfizer per 12 miliardi di dollari per esempio. Ma il ritmo comunque ha vacillato in attesa delle elezioni.

Alla fine del mese scorso, Gilead, società biotech, ha chiarito in una conferenza che avrebbe preso in considerazione di fare un investimento (acquisizione) nel settore della polimerasi, comunemente indicato come PARP, un inibitore rafforzare i suoi farmaci oncologici. Prima dell’acquisizione di Medivation da parte di Pfizer, che ha anche un inibitore di PARP, c’erano solo due grandi prodotti farmaceutici con tali inibitori – Abbvie e AstraZeneca. Dal momento dell’annuncio di Gilead della sua intenzione, l’interesse degli investitori si sono immediatamente spostate verso società come Tesaro (TSRO) e Corvus (CRVS), solo per citarne un paio.

Molto è cambiato a causa dei risultati delle elezioni inaspettate. Mentre ancora gran parte del quadro politico per la nuova amministrazione Trump rimane poco chiaro e di conseguenza il suo impatto, ciò che è evidente è che le azioni biotech e farmaceutiche hanno un clima normativo molto favorevole in futuro.

Questo rischio ha colpito la crescita delle azioni biotech per alcuni anni, e un incentivo sostanziale per gli investitori ad aumentare la loro allocazione al settore a scapito di settori, tra cui alcuni sotto-settori della sanità, che hanno ancora a che fare con il rischio di “incognite” dalla presidenza Trump. Un settore stagnante e la sofferenza Biotech braccato da incertezza per gran parte del 2016, è ora trasformando in un settore relativamente più vivace, con diminuzione di incertezza politiche e di una ragione convincente per rivalutare le aziende.

martedì 22 novembre 2016

Le azioni che dovreste avere nella vostra watchlist

Le azioni con dividendo, in questo contesto di bassi tassi di interesse, hanno ancora un ottimo aspetto. Dopo tutto, lo SP500 ha uno yield di circa il 2%, che è sicuramente molto meglio di quanto si possa ottenere con la maggior parte dei conto correnti di risparmio. Inoltre i dividendi hanno due cose importanti: Un dividendo generoso spesso abbassa la volatilità di un titolo, infatti ci indicano quanta liquidità ha realmente una società.

L’elenco che abbiamo messo qui di seguito, è il risultato di un’analisi fondamentale/tecnica, ma non sempre il segnale BUY, indica necessariamente che l’azione è destinata a salire, il vostro lavoro, se volete essere investitori coscienziosi, è quello di scegliere i titoli in base ai loro fondamentali seguendo anche una vostra analisi personale. La selezione dei titoli è sempre soggettiva. Sul lungo periodo, i titoli che forniscono dividendi offrono un doppio vantaggio, testato in decine di anni di borsa, il vostro capitale investito si apprezza nel corso degli anni, e il dividendo trimestrale cresce. Nell’83% dei casi.

Questo è il momento perfetto per fare acquisti perché sono in arrivo molte date ex-dividend nelle prossime settimane.

Come potrete notare, ci sono azioni con dividendi promettenti, ma ci sono anche molte insidie. Come sempre, potrete continuare a seguire le vostre azioni, attraverso i nostri servizi Domino Platino e MyPortfolio per assicurarvi di avere solo le azioni di prim’ordine.

Elenco titoli:

Azioni con dividendi da comprare
Ticker Società Dividend Yield Ultimo pagamento Dividendo
AAN Aaron’s Inc. 0.4% 12/08/16 $0.03
AFSI AmTrust Financial Services Inc. 2.5% 12/29/2016 $0.17
ASB Associated Banc-Corp 2.2% 11/29/2016 $0.12
BGS B&G Foods Inc. 3.9% 12/28/2016 $0.42
BLL Ball Corp. 0.7% 11/29/2016 $0.13
BXS BancorpSouth Inc. 1.8% 12/13/2016 $0.13
BAC Bank of America Corp. 1.4% 11/30/2016 $0.08
B Barnes Group Inc. 1.3% 11/21/2016 $0.15
BBBY Bed Bath & Beyond Inc. 0.6% 12/14/2016 $0.13
CAA CalAtlantic Group Inc. 0.5% 12/13/2016 $0.02
CCL Carnival Corp. 2.7% 11/22/2016 $0.34
FUN Cedar Fair, L.P. 5.6% 12/01/16 $0.86
CMCSA Comcast Corp. 1.8% 12/30/2016 $0.28
DPZ Domino’s Pizza Inc. 0.9% 12/13/2016 $0.38
EFX Equifax Inc. 1.0% 11/21/2016 $0.33
EL Estee Lauder Companies Inc. 1.5% 11/28/2016 $0.34
GM General Motors Company 4.8% 12/05/16 $0.38
GILD Gilead Sciences Inc. 2.5% 12/13/2016 $0.47
HSY Hershey Company 2.4% 11/21/2016 $0.64
HII Huntington Ingalls Industries Inc. 1.4% 11/22/2016 $0.55
IR Ingersoll-Rand Plc 1.8% 12/07/16 $0.34
LVS Las Vegas Sands Corp. 4.8% 12/19/2016 $0.72
LMT Lockheed Martin Corp. 2.8% 11/29/2016 $1.74
M Macy’s Inc 4.0% 12/13/2016 $0.38
MSI Motorola Solutions Inc. 2.2% 12/13/2016 $0.43
NDAQ Nasdaq Inc. 1.8% 12/14/2016 $0.31
NEE NextEra Energy Inc. 2.7% 11/22/2016 $0.86
QCOM QUALCOMM Incorporated 3.0% 11/28/2016 $0.53
STX Seagate Technology PLC 7.6% 12/19/2016 $0.63
TROW T. Rowe Price Group 3.4% 12/13/2016 $0.54
TSO Tesoro Corp. 2.6% 11/28/2016 $0.55
TWX Time Warner Inc. 1.8% 11/28/2016 $0.40
TRV Travelers Companies Inc. 2.5% 12/07/16 $0.67
TSN Tyson Foods Inc. 0.9% 11/29/2016 $0.15
VFC V.F. Corp. 2.8% 12/07/16 $0.41
VIAB Viacom Inc. 3.8% 12/13/2016 $0.26
WMT Wal-Mart Stores Inc. 2.9% 12/07/16 $0.50
WRI Weingarten Realty Investors 4.2% 12/06/16 $0.37
XRX Xerox Corp. 3.3% 12/13/2016 $0.08

Azioni con dividendi da tenere
Ticker Società Dividend Yield Ultimo pagamento Dividendo
D Dominion Resources Inc. 3.7% 11/30/2016 $0.70
GPT Gramercy Property Trust 5.3% 12/28/2016 $0.12
GRMN Garmin Ltd. 4.3% 12/12/16 $0.51
GS Goldman Sachs Group Inc. 1.5% 11/29/2016 $0.68
ITT ITT Inc. 1.5% 12/07/16 $0.12
KO Coca-Cola Company 3.3% 11/29/2016 $0.34
KS KapStone Paper and Packaging Corp. 2.2% 12/28/2016 $0.09
MCK McKesson Corp. 0.9% 11/29/2016 $0.26
OMI Owens & Minor Inc. 3.1% 12/13/2016 $0.26
ONB Old National Bancorp 3.6% 11/29/2016 $0.13
PII Polaris Industries Inc. 2.8% 11/29/2016 $0.56
POWI Power Integrations Inc. 0.8% 11/28/2016 $0.13
PX Praxair Inc. 2.6% 12/05/16 $1.00
SPGI S&P Global Inc. 1.2% 11/23/2016 $0.36
STE STERIS Plc 1.6% 11/21/2016 $0.28
SWK Stanley Black & Decker Inc. 2.0% 11/30/2016 $0.58
TGNA TEGNA Inc. 3.1% 12/07/16 $0.14
TNC Tennant Company 1.2% 11/28/2016 $0.21
TVPT Travelport Worldwide Ltd. 2.3% 11/29/2016 $0.08
VMC Vulcan Materials Company 0.6% 11/21/2016 $0.20
WTS Watts Water Technologies Inc. 1.1% 11/30/2016 $0.18

Azioni con dividendi da vendere
Ticker Società Dividend Yield Ultimo pagamento Dividendo
AJG Arthur J. Gallagher & Co. 3.2% 11/30/2016 $0.38
AMC AMC Entertainment Holdings Inc. 2.6% 12/01/16 $0.20
BATS BATS Global Markets Inc. 0.0% 11/28/2016 $0.08
DVN Devon Energy Corp. 1.5% 12/13/2016 $0.06
FIS Fidelity National Information Services Inc. 1.4% 12/14/2016 $0.25
FTR Frontier Communications Corp. 13.5% 12/13/2016 $0.11
GNL Global Net Lease Inc 10.1% 12/06/16 $0.18
HAL Halliburton Company 1.6% 12/05/16 $0.18
HBHC Hancock Holding Company 3.0% 12/01/16 $0.24
IBKR Interactive Brokers Group Inc. 1.2% 11/29/2016 $0.10
IRM Iron Mountain Inc. 6.0% 12/13/2016 $0.52
JNPR Juniper Networks Inc. 1.6% 11/29/2016 $0.11
JRVR James River Group Holdings Ltd 2.1% 12/14/2016 $0.68
K Kellogg Company 2.7% 11/29/2016 $0.52
KBR KBR Inc. 2.4% 12/13/2016 $0.08
KHC Kraft Heinz Company 2.8% 11/30/2016 $0.60
LM Legg Mason Inc. 3.0% 12/12/16 $0.22
MCY Mercury General Corp. 4.5% 12/13/2016 $0.62
MOS Mosaic Company 4.5% 11/29/2016 $0.28
NBTB NBT Bancorp Inc. 2.7% 11/29/2016 $0.23
NEM Newmont Mining Corp. 0.3% 12/06/16 $0.05
OXY Occidental Petroleum Corp. 4.5% 12/07/16 $0.76
REXR Rexford Industrial Realty Inc. 2.6% 12/28/2016 $0.14
RGC Regal Entertainment Group 4.0% 12/01/16 $0.22
ROIC Retail Opportunity Investments Corp. 3.7% 12/13/2016 $0.18
RPAI Retail Properties of America Inc. 4.5% 12/20/2016 $0.17
RYN Rayonier Inc. 3.9% 12/14/2016 $0.25
SAFT Safety Insurance Group Inc. 4.2% 11/29/2016 $0.80
SLB Schlumberger NV 2.6% 12/05/16 $0.50
STAG STAG Industrial Inc. 6.3% 11/28/2016 $0.35
TIME Time Inc. 6.1% 11/28/2016 $0.20
TRMK Trustmark Corp. 3.4% 11/29/2016 $0.23
TRNO Terreno Realty Corp. 3.0% 12/28/2016 $0.19
VER VEREIT Inc. 6.2% 12/28/2016 $0.14
VOYA Voya Financial Inc. 0.1% 11/28/2016 $0.01
WDC Western Digital Corp. 3.6% 12/28/2016 $0.50
WLTW Willis Towers Watson Public Limited Company 1.9% 12/28/2016 $0.48
WPG Washington Prime Group Inc. 10.5% 11/30/2016 $0.25
WRE Washington Real Estate Investment Trust 4.3% 12/19/2016 $0.30
WWE World Wrestling Entertainment Inc. 2.7% 12/13/2016 $0.12
XL XL Group Ltd 2.3% 12/13/2016 $0.21

giovedì 17 novembre 2016

La vittoria di Trump rafforza un nuovo regime di mercato

Mesi prima della votazioni per sapere chi sarebbe stato il nuovo presidente degli Stati Uniti, i mercati erano in fermento e molte banche di investimento temevano un ipotetico crollo del mercato nel caso avesse vinto Trump, in quanto la sua politica non era a favore di alcuni punti sul suo programma economico.

BlackRock, citata da Bloomberg, condivise la diagnosi per cui la Clinton alla Casa Bianca avrebbe portato pressione sulle case farmaceutiche stoppando i rincari dei medicinali. Per contro, alcuni operatori degli ospedali avrebbero beneficiato della continuazione di alcuni sussidi introdotti con l’Affordable Care Act.0

La vittoria a sorpresa di Donald Trump ha rafforzato il tema di rilancio che ha plasmato i mercati globali negli ultimi mesi. Richard Turnill spiega che la reflazione è stata un tema chiave nel corso degli ultimi mesi, in presenza di segnali crescenti sulle pressioni dei prezzi, le banche centrali hanno una maggiore tolleranza nel lasciar correre l’inflazione e l’enfasi politica è un ottimo stimolo fiscale. Vediamo la vittoria di Donald Trump e la maggioranza repubblicana al Congresso possa amplificare sul breve la crescita degli indici.

Trump ha rovesciato la politica repubblicana degli ultimi decenni, respingendo il commercio e sostenendo le tariffe libere per proteggere l’industria americana da ciò che egli chiama concorrenza sleale. Ha attaccato la Clinton dato che nel 1994 l’accordo Nafta con il Messico e il Canada fu firmato dal marito, all’epoca presidente. Ha escluso categoricamente il supporto per l’accordo Trans-Pacific Partnership in qualsiasi forma.

Sp500 dopo le elezioni e la vittoria di Trump, analisi tecnica breve periodo

Crediamo che il risultato elettorale possa aumentare le probabilità di tagli fiscali delle imprese, nonché una maggiore spesa per le infrastrutture nel medio termine. Tali misure potrebbero creare posti di lavoro e sostenere la crescita dei salari, alimentando ulteriormente una tendenza reflazionistica e aumentare il deficit fiscale. Ciò dovrebbe comportare almeno una curva dei rendimenti del Tesoro degli Stati Uniti moderatamente ripida. Ci aspettiamo che la Federal Reserve alzi i il mese prossimo e veda la possibilità di un crescente rialzo nei mesi a venire.

Lo stato di strade e ponti della nazione è uno dei pochi temi su cui i due candidati erano d’accordo. Nonostante un periodo di cinque anni, il disegno di legge da 305 miliardi è stato promulgato lo scorso anno, gli esperti dicono che il paese sta spendendo molto poco sulle strade, ponti, porti, aeroporti, linee elettriche e altre infrastrutture di quanto dovrebbe. Entrambi i candidati hanno evidenziato la necessità di investire in infrastrutture come un modo per rilanciare la crescita economica. I tassi di interesse storicamente bassi di oggi renderebbero tali investimenti meno costosi.

In questo contesto siamo cauti sulle obbligazioni di lunga durata. Vediamo i titoli azionari ancora attraenti, ma aspettiamo rendimenti migliori in una crescente incertezza politica. Ci aspettiamo che le azioni cicliche e di valore (in particolare finanziari e miniere) sovraperfomino e i titoli di assistenza sanitaria beneficino meno di una amministrazione Trump durante il rafforzamento del dollaro.

Ci sono maggiori rischi economici e di mercato a lungo termine. Lo shock Trump ha amplificato l’incertezza politica legata alle crescenti pressioni populiste in vista dei voti fondamentali in Europa. Il presidente eletto ha promesso di rovesciare o rinegoziare accordi commerciali. Ciò potrebbe danneggiare i mercati globali economia particolarmente dipendenti dalle esportazioni emergenti (EMs) -e sentimento del rischio-off scintilla e una più debole yuan cinese. Questi nervosismo si sono riflessi in aumento di volatilità e un selloff in attività emergenti dopo le elezioni. Eppure, per ora vediamo selezionato EM beneficiando di migliorare le economie, facilitando le politiche monetarie e di un approccio globale sulla spesa fiscale. Per saperne di più intuizioni di mercato nel mio commento settimanale.

martedì 15 novembre 2016

Investire nel settore ristorazione con i migliori titoli per il medio periodo

Nel settore ristorazione, tre nomi si distinguono per il loro potenziale di riuscire a premiare gli investitori. Investire nella ristorazione nel 2016 è stata dura, soprattutto se la scelta era negli hamburger. Secondo Euromonitor International, le vendite di hamburger sono aumentate del 14% negli Stati Uniti dal 2010 al 2015 raggiungendo i 103 $ miliardi nel 2015.

Il 2016, però, è stata una storia completamente diversa nel settore ristorazione, le vendite in declino è un risultato di tutto il settore fast food essendo sotto attacco da più fronti. In primo luogo, molti consumatori scelgono di mangiare a casa, al fine di risparmiare denaro. Il Bureau of Labor Statistics riporta che, nel corso dell’ultimo anno, la spesa complessiva di cibo da negozi di generi alimentari è diminuita del 2,2%.

Ecco perché alimentari come Kroger (KR) hanno dovuto lottare quest’anno. Nello stesso arco di tempo, la spesa per il cibo acquistato fuori casa è salita del 2,57%. In altre parole, è diventato molto più conveniente preparare semplicemente l’hamburger a casa piuttosto che mangiarlo fuori. All’inizio di quest’anno, Todd Penegor, CEO di Wendy (WEN) , ha detto in una conference call, che

la ragione più importante del rallentamento delle vendite, sembra essere il continuo divario tra il costo di mangiare a casa e quello di mangiare fuori, che ora è al suo punto più ampio dal 2008 recessione.

Questa tendenza è abbastanza grave, ma c’è anche un secondo fronte in questa lotta alimentare. Molti americani, quando sono fuori a cena, richiedono sempre di più pietanze preparate al momento, cibi più sani. Ciò ha portato ad una rapida crescita dei ristoranti “fast-casual”. Questo tipo di ristorante rappresenta ancora una piccola fetta del settore della ristorazione, che ha quasi un valore di 470 $ miliardi. Ma le loro vendite stanno crescendo molto più velocemente rispetto ai loro concorrenti.

Le vendite in questi ristoranti sono cresciute ad un tasso dell’11,6% annuo nel 2015, un leggero calo rispetto alla loro partenza nel 2014, che era stato del 13,5%, un ritmo, però, ben al di sopra del tasso di crescita del settore complessivo, che è stato solo del 1,5% nel 2015. Ci sono titoli specifici che si possono acquistare in entrambi i settori. Ecco tre titoli del settore della ristorazione.

McDonald (MCD)
La mia prima scelta nel settore ristorazione è quella che Wall Street in questo momento non ama, McDonald. E non a causa della prima colazione servita tutto il giorno o altre innovazioni di menu. È perché McDonald non è in realtà una catena di hamburger. Si tratta di una società immobiliare che vende hamburger e altri prodotti alimentari. Il suo primo CEO Harry Sonneborn una volta disse:

L’unica ragione per cui vendo gli hamburger a 15 centesimi, è perché sono il più grande fornitore di entrate con cui i nostri inquilini possono pagarci l’affitto.

Il fondatore Ray Kroc aveva un modello di business meraviglioso, il franchising di molti dei suoi ristoranti. Ma possiede la terra dove si trovano i franchisee. Agli affiliati non sono date possibilità di scelta, inoltre sono anche responsabili per le tasse e l’assicurazione sulle proprietà.

A volte, McDonald prende in affitto l’immobile da un altro proprietario, dando loro il 5% delle vendite di quel particolare ristorante. Ma carica agli affiliati del 10%. Il controllo degli affiliati ha permesso al fondatore Ray Kroc di costruire il suo impero. Questo è stato il menu che Kroc credeva sarebbe stato il più redditizio per la sua azienda nel lungo termine, ed aveva ragione.

Questo modello dovrebbe continuare a servire a McDonald e i suoi azionisti anche in futuro come ha fatto in passato. L’azienda è stata “un mostro” di crescita dei dividendi nel corso della sua lunga storia. Ma più di recente, nel corso degli ultimi 13 anni, ha aumentato il suo dividendo in media del 15,25% e attualmente ha uno yield del 3,32%.

MCD, analisi tecnica di breve periodo, società immobiliare, macd, rsi, sentiment di crescita

Domino’s Pizza (DPZ)
Domino’s Pizza è la seconda più grande catena di pizza del mondo e si trova a buon punto, il consumo della pizza è in crescita rispetto al suo livello più alto di quattro anni, nonostante le decrescite del settore alimentare in generale. Il vero elemento di differenziazione per l’azienda è la sua intelligenza tecnologica.

Per la prima volta nella sua storia, Domino’s sta ottenendo un aumento delle vendite tramite smartphone, smartwatches, assistenti virtuali e altri canali digitali rispetto ai tradizionali ordini telefonici o di persona nel settore ristorazione. Secondo Bank of America Merrill Lynch, il 55% delle vendite della società, nel suo ultimo trimestre, sono state digitali. Che si confronta con appena il 20% dell’industria nel suo complesso.

Questo senza dubbio ha avuto molto a che fare con il più recente rapporto stellare degli utili di Domino’s e l’aumento del 13% delle vendite nell’ultimo trimestre. L’aumento delle vendite è in netto contrasto con il settore della ristorazione nel suo complesso, che ha mostrato per cinque mesi consecutivi un calo delle vendite. Domino’s attualmente ha uno yield dello 0,92% ed ha aumentato il suo dividendo dell’89% da dicembre del 2013.

DPZ, analisi tecnica, medie mobili, gann e analisi fondamentale

Jack in the Box (JACK)
La scelta di questo titolo è dovuta ai suoi ristoranti fast-casual Qdoba Mexican Eats, che hanno notevolmente beneficiato dei problemi alimentari del rivale, Chipotle Mexican Grill (CMG).

Ma anche prima della crisi alimentare, Jack in the Box era una scommessa migliore di CMG nel settore ristorazione. Un anno fa, Qdoba stava crescendo più velocemente di Chipotle, il suo titolo era più ragionevolmente valutato e paga un dividendo, a differenza di Chipotle. Ora, grazie alla sua rapida crescita la società ha alzato il dividendo del 50% l’anno scorso, attualmente ha uno yield dell’1,28%. Inoltre, secondo un sondaggio condotto da Harris, nel mese di giugno Qdoba è oggi la seconda catena di ristoranti messicani più popolare a livello nazionale. Chipotle è arrivato quarto in quel sondaggio.

venerdì 11 novembre 2016

Palladio, domanda in crescita e inversione di tendenza

Il Palladio fa parte di quel gruppo di metalli, direttamente collegato al Platino, che in gran parte viene utilizzato nell’industria. Quindi è un buon indicatore del miglioramento/peggioramento della produzione, soprattutto nel settore delle automobili. Il calo della domanda di carbone da parte della Cina mette pressione sui prezzi delle materie prime a livello mondiale, gli occhi ora sono puntati berso il rame dopo che ha ottenuto il più grande raduno settimanale degli ultimi 35 anni. Gli altri metalli preziosi come il Platino è sceso del 2,8 per cento a 970,99 $ l’oncia, dopo aver toccato i 966 $, il più basso dal 28 ottobre. Il palladio, d’altra parte, è salito per la quinta sessione di fila, in crescita del 2 per cento a 691 $ dopo avere toccato il livello più alto dal 5 ottobre a 697,50 $.

Domanda di Palladio nel settore auto 2015

Secondo HSBC Securities, i fondamenti del palladio non sono così legati al platino come si crede. E’ molto influenzato dall’Oro, ma non dal palladio. Sempre secondo HSBC la domanda per il 2017 di metalli per l’industria è a favore del Palladio, anche se in termini di aumento del prezzo, il mercato potrebbe favore il Platino, in quanto il Platino storicamente un rapporto di prezzo di prezzo migliore.

Il Palladio è un metallo raro, di aspetto bianco-argenteo, del gruppo del platino a cui somiglia anche chimicamente: viene estratto principalmente da alcuni minerali di rame e nichel. I suoi usi più comuni sono nell’industria, come catalizzatore, e in gioielleria. Da qui il suo collegamento con l’Oro, infatti l’oro bianco è una lega d’oro e palladio, quest’ultimo è aggiunto per decolorare l’oro.

Dal terzo trimestre al quarto cos’è cambiato ? il platino è probabile che sia più forte a causa della stagione dei matrimoni indiani e l’acquisto di gioielli per Natale. Dal punto di vista degli investimenti, dobbiamo anche stare attenti a due altre questioni. In primo luogo, quando le aspettative sono di un piccolo aumento di prezzo nel palladio, il mercato speculatorio potrebbe anticipare una correzione per ottenere una migliore opportunità di entrata. In secondo luogo, il rapporto di dollari e il potenziale aumento dei tassi di interesse nel mese di dicembre (il fattore di Trump potrebbe essere un motivo emotivo e non fondamentale). In entrambi i casi gli scenari rialzista o ribassista sono meglio controllati dai grafici.

Palladio, possibile inversione di tendenza dopo il rally, analisi tecnica, investire palladio, etf oro, metalli preziosi

Il grafico qui sopra mostra come il MACD si stia portando in posizione di acquisto e il prezzo del metallo abbia rotto le due medie mobili, sul breve a 50 e sul lungo a 200. Il potenziale supporto di acquisto è evidenziato è intorno i 650 $. E’ possibile che si formi un H&S con la spalla destra che scenda fino ai 660 $. L’area di maggiore interesse si trova a circa 700 $, che indicherebbe l’apertura di un canale in calo dai precedenti due massimi – agosto e fine di settembre.

In sintesi, il mercato dovrebbe trovare spazio per un ulteriore rally, ma dopo la prima correzione di un imminente situazione di “ipercomprato”. A seconda del risultato o la gravità della correzione di breve termine, il palladio potrebbe correggere in un modello “testa e spalle”, prima che la continuazione rialzista (con la possibilità di testare i minimi del 2016). Un anticipo di una simile situazione e la correzione avuta nel 2010, ma che potrebbe essere un ostacolo troppo lontano per novembre, dato il crescente potenziale dei tassi di interesse.

martedì 8 novembre 2016

Investire in azioni con dividendi crescenti

Le azioni con dividendi crescenti dovrebbero essere inserite nei portafogli di coloro che desiderano crearsi una pensione integrativa, vista la loro track record di aumenti dei dividendi, senza precedenti, a prescindere dei mercati orso, delle preoccupazioni internazionali, o delle recessioni. Il 1° settembre, azioni o proprietà che posseggono fondi comuni di investimento immobiliare (REIT) sono stati istituiti come un settore separato del mercato azionario Standard and Poor. Questo sarebbe dovuto essere una buona notizia, ma è in realtà non lo è ancora.

Il settore REIT ha guadagnato il 16% nel 2016 fino alla fine di luglio. Da allora, ha ritracciato ed ora è su solo del 2%. Ciò significa che le REIT sono diminuite del 14% negli ultimi tre mesi e molti investitori sono impauriti. Se siete proprietari o desiderate avere delle REIT, questo potrebbe essere il momento giusto per sfruttare l’occasione ed avere azioni con dividendi.

In gran parte, questo autunno assomiglia molto a quello del 2015. I settori azionari, che sono visti come sensibili ai tassi di interesse, sono calati di valore sull’aspettativa di un rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve. L’anno scorso, la Fed ha aumentato i tassi nel mese di dicembre e il mercato ha corretto seriamente all’inizio del 2016. Quest’anno, con le REIT in calo mediamente del 12% dal picco di agosto, il mercato sta anticipando gli effetti di un rialzo dei tassi di interesse. Come spesso accade con le correzioni di mercato, sembra che i valori di queste azioni con dividendi siano scese anche troppo. Diamo uno sguardo a ciò che è realmente accaduto ed accadrà con i tassi di interesse.

L’anno scorso, la Fed ha aumentato il tasso di sconto sui Fed Funds da zero fino allo 0,25%. Il tasso sui Fed Funds guida i tassi di interesse a breve termine, e lo 0,25% era ancora molto vicino allo zero. E’ probabile che la Fed aumenti nuovamente il suo tasso di sconto dello 0,25% a dicembre. A quel punto, i tassi a breve saranno ancora a bassissimi a 0,50%. Questo livello di tassi non influenzerà i risultati di business di queste azioni con dividendi di qualità e non porterà gli investitori a vendere le loro azioni REIT con rendimenti molto più alti per comprare i certificati di deposito a un anno con tassi al di sotto dell’1%.

La curva dei rendimenti sul lungo termine, rende il tasso storico più interessante. Un anno fa, decennale del Tesoro americano rendeva il 2,3%. Nel corso della prima metà del 2016, il rendimento a lungo termine è sceso al di sotto del 1,4%. Poi, nel corso degli ultimi mesi, il rendimento a 10 anni è salito di nuovo sopra 1,8%. Questo movimento del rendimento è relativamente grande, ma nel quadro più ampio, il tasso non è ancora molto al di sopra dei minimi record stabiliti all’inizio di quest’anno. Anche in questo caso, un tasso di interesse a lungo termine a circa il 2% non influenzerà i risultati di business delle REIT in modo significativo.

Ecco alcuni titoli che meritano uno sguardo più da vicino:

Omega Healthcare Investors Inc. (OHI) è una REIT del settore sanitario che aumenta il suo tasso di dividendo ogni trimestre. A metà ottobre, la società ha annunciato il suo 17° aumento di dividendo. Due mesi fa, OHI aveva uno yield del 6,3%. Ora, dopo il calo del prezzo delle azioni e l’annuncio di un dividendo più elevato, il titolo dà il 7,7%.

Omega Healthcare (OHI), analisi tecnica, medie mobili, alert breve periodo, dividendi crescenti

Realty Income Corp (O) è la REIT più popolare tra i singoli investitori. Questa azienda ha pagato 555 dividendi mensili consecutivi e lo ha aumentato per 76 trimestri consecutivi. In occasione del recente picco del prezzo delle azioni, la società dava solo il 3,3%, ora cede il 4,14%.

Realty Income (O), analisi breve periodo, investire in dividendi, azioni con dividendi, dividendi crescenti, dividendi aristocratici

EPR Properties (EPR) prima del calo aveva uno yield del 4,5% e ora rende il 5,4%. EPR è stato un grande investimento sul lungo termine, e gli investitori devono essere pronti a comprare quando il prezzo delle azioni crollerà.

EPR Properties (EPR), analisi tecnica breve periodo, azioni con dividendi, investire in dividendi, migliori azioni 2017, investire in REIT

Azioni come Realty Income, Omega Healthcare e EPR Properties che non hanno tagliato i loro dividendi, pagano un elevato rendimento corrente, e hanno il potenziale di crescita del dividendo, dovrebbero essere parte integrante di un portafoglio costruito con una strategia di reddito, non prima però di essere ulteriormente analizzate da ogni investitore per capire se è il titolo giusto per lui.

venerdì 4 novembre 2016

I mercati emergenti sono ad una svolta positiva

In termini generali, sia i mercati azionari emergenti che quelli sviluppati hanno messo a segno una progressione; i titoli dei mercati emergenti hanno in generale sovraperformato gli omologhi dei mercati sviluppati, poiché il miglioramento dei fondamentali e maggiori rendimenti hanno spinto i flussi di fondi verso i mercati emergenti.

In particolare gli emergenti asiatici hanno affrontato venti contrari negli ultimi anni, ma crediamo che la regione si trovi ad un punto di svolta. Vediamo una serie di settori sottovalutati e crediamo sia il caso di prendere in considerazione di iniziare ad investire in quei paesi. Il grafico qui sotto mostra un doppio rimbalzo sull’ETF EFA (iShares MSCI EAFE ETF) che hanno creato un mini trend positivo molto importante. Il rimbalzo è dovuto soprattutto sulla crescita nominale in Cina e i miglioramenti dei profitti aziendali.

I mercati emergenti sono ad una scolta positiva, ETF EFA, analisi tecnica, medie mobili a 5 anni, analisi fondamentale mercati emergenti

Il prodotto interno lordo (Pil) nominale della Cina si riflette nei prezzi alla produzione che stanno avendo una svolta positiva quest’anno per la prima volta in quasi cinque anni. Questo spostamento reflazionistico sta prendendo piede dato che la crescita in Cina si sta stabilizzando. Questo dovrebbe sostenere mercati emergenti asiatici, dato che i cicli economici e di mercato sono direttamente correlati a quelli cinesi.

In aggiunta i canali di distribuzione online nei mercati emergenti stanno crescendo rapidamente. Così come in Occidente, per i distributori tradizionali la crescente penetrazione dell’online è stata accompagnata da una riduzione delle vendite a perimetro costante. La Cina ha spianato la strada nell’e-commerce e, guardando avanti, anche l’India offre un enorme potenziale. Inoltre c’è una crescente attenzione verso il benessere personale e la salute. La crescita della ricchezza spinge la domanda per cure mediche di qualità, portando però al contempo a una maggiore incidenza di malattie legate allo stile di vita come l’obesità e problemi cardiovascolari.

Nel complesso quindi vediamo validi motivi per investire in modo selettivo nei mercati emergenti sul lungo termine. I paesi siamo convinti siano migliori sono Indonesia e India. Inoltre non dimentichiamo gli upgrade delle agenzie di rating su Israele e Taiwan. I tagli dei tassi in Indonesia supportano maggiori investimenti delle imprese e la spesa dei consumatori, mentre l’India ha attuato riforme chiave per il suo sistema fiscale.

giovedì 3 novembre 2016

Investire in titoli sottovalutati con forti catalizzatori in arrivo

I 2 titoli di seguito indicati, potrebbero ottenere una spinta dai forti catalizzatori in arrivo. Ormai l’anno sta per concludersi, e siamo a meno di una settimana dalle elezioni conviene investire in titoli ?. Il 2016, da un punto di vista degli investimenti, è stato simile al 2015, ma con una maggiore volatilità. Gli indici di mercato sono prevalentemente saliti, ma gli investitori continuano ad essere ossessionati dalla prossima mossa della Federal Reserve, l’economia continua a zoppicare, e c’è poco in termini di crescita delle entrate o degli utili all’interno del mercato globale.

Il terzo trimestre ha fatto vedere un PIL migliore, ma l’economia è cresciuta ad ritmo anemico del 1,5% nel corso dell’ultimo anno. E’ difficile fare previsioni, soprattutto per il futuro, tuttavia, ci sono un paio di temi, che penso possano dare una mano al mercato il prossimo anno.

I titoli Biotech potrebbero riprendersi:

Dopo il primo dibattito presidenziale e alcuni casuali video datati più di dieci anni fa, che hanno messo in evidenza il comportamento maleducato del sig. Trump, sembrava fosse possibile che i democratici riuscissero a fare piazza pulita alla Camera, al Senato, e alla Casa Bianca il prossimo 8 novembre nonostante i giudizi negativi sulla signora Clinton. Questo avrebbe dato un’enorme influenza all’ala Sanders e Warren del partito. La loro concentrazione sui settori farmaceutici e biotecnologici, la retorica e il tweet sul prezzo dei farmaci, sono ben noti e hanno portato più di un amministratore delegato di case Pharmaceutiche davanti ad una sottocommissione del Congresso.

Questo è stato il driver primario del calo del 10%, che il settore biotech ha sperimentato nel mese di ottobre. Il settore è attualmente giù del 35% dal suo ultimo picco durante l’estate del 2015.

Tuttavia, la corsa presidenziale era già in bilico prima della bomba del FBI di Venerdì scorso che stavano riaprendo le indagini sullo scandalo e-mail della Clinton. La Camera probabilmente rimarrà in mani repubblicane e il Senato siamo per ora su un 50/50. Se dovesse esserci un governo misto il 9 novembre, mi aspetterei un rally di fine anno per il settore, visto che le modifiche legislative che avrebbero potuto influenzare negativamente le industrie biotecnologiche e farmaceutiche saranno in gran parte fuori dal tavolo delle discussioni. Se invece, i repubblicani riuscissero a trattenere la Camera e il Senato, il rally potrebbe essere notevole.

Le occasioni prosperano nel settore visto che i grandi nomi vendono a loro più bassi livelli di valutazione di almeno cinque anni. Molte le small cap che sono diminuite dal 25% al 30% in ottobre per nessun altro motivo che il sentimento triste sul settore. Nella prima categoria, troviamo Celgene (CELG) ai livelli attuali. Questo vigoroso biotech ha facilmente battuto le aspettative con la sua relazione trimestrale la scorsa settimana grazie ad un impulso migliore del 25% su base annua dei ricavi. Meglio quindi investire in titoli scambiati con forte sconto per la loro traiettoria di crescita a lungo termine.

Celgene Corp. è una società biofarmaceutica integrata e globale impegnata principalmente in ricerca, sviluppo e commercializzazione di terapie per il trattamento delle neoplasie e delle patologie infiammatorie attraverso la regolazione dei geni e delle proteine. E’ stata fondata da David Stirling e Sol Barer nel 1986 e ha sede a Summit, New Jersey.

Celgene (CELG), analisi tecnica breve periodo, medie mobili, azioni da acquistare 2017, dove investire in questo periodo, etf short, investire in titoli

Il prezzo del petrolio dovrebbe aumentare nel 2017:

Dopo essere precipitato da oltre $ 100 al barile, nell’estate del 2014, il petrolio ha toccato il fondo di $ 20 dopo la vendita da panico che ha aperto il 2016. Nel corso degli ultimi sei mesi più o meno, il petrolio è scambiato in un range relativamente stretto tra i $ 40 e i $ 50 al barile. Sia il supporto che la resistenza di questo range sono stati testati più volte nei mesi precedenti, ma questo sembra essere l’intervallo in cui rimarremo almeno fino a fine anno prima di investire in titoli.

Purché non si veda una recessione globale nel 2017, il greggio dovrebbe probabilmente salire un pò più in alto. Centinaia di miliardi di dollari di progetti a lungo termine sono stati accantonati, rinviati o annullati nel corso degli ultimi due anni, dato che i produttori hanno ridotto i budget per gli investimenti. Inoltre, l’enorme calo dei prezzi del petrolio hanno gravemente ferito le finanze degli Stati produttori di petrolio. Pensiamo che il tanto sperato accordo, di cui tanto si è parlato, “il congelamento della produzione” tra le nazioni dell’OPEC e la Russia verrà ratificato presto nel 2017.

Pensiamo che dovremmo vedere una rottura al rialzo dalla sua recente gamma, nella prima metà del 2017. Non ci aspettiamo che il petrolio possa arrivare vicino ai livelli che abbiamo visto nel recente passato, però. I produttori di scisto nordamericani sono diventati i “produttori alternativi” nel mercato globale. Hanno ridotto drasticamente i costi di produzione e possono mettersi in moto in tempi relativamente brevi. Detto questo, io non sarei sorpreso se il petrolio oscillasse in un range tra i $ 60 e i $ 75 nel 2017.

Questo dovrebbe essere di grande aiuto per investire in titoli del settore esplorazione ed estrazione, soprattutto quelle con una buona superficie estrattiva, cariche di debito relativamente bassi e attraenti costi operativi. Un produttore ben posizionato potrebbe essere Synergy Resources (SYRG). La società ha grande superficie, bassi costi e ha visto anche l’acquisto delle sue azioni di recente da parte di insiders. Synergy ha anche ottenuto diversi buy da analisti nell’ultimo mese.

Synergy Resources Corp. è una società di esplorazione ed estrazione di petrolio e gas naturale. La società è stata fondata il 11 Maggio 2005 e ha sede a Denver, CO.

Celgene (CELG), analisi tecnica breve periodo, medie mobili, azioni da acquistare 2017, dove investire in questo periodo, etf short, investire in titoli

Quello che dovete fare, cosi come ogni altro investitore in questo contesto di mercato è acquistare i titoli con le migliori prospettive di crescita per i prossimi 10 anni. Sembra un gioco da ragazzi, ma anche con la nostra ultra decennale carriera di analisti, servono giorni o settimane per trovare la giusta azione e analizzare le sue prospettive.

Come dice John Allen Paulos:

“L’incertezza è l’unica certezza che ci sia, e saper convivere con l’insicurezza è l’unica sicurezza”.

Se tutto va bene, investire in titoli nel corso del prossimo anno potrebbe avere un valore significativamente più elevato rispetto a quello che attualmente commerciano. Ogni azione ha importanti, eventi aziendali in via di definizione che, se positivi, renderebbero il loro business molto più prezioso.