giovedì 15 giugno 2017

Domino Solutions - IMA gioiello del packaging da 900% in 10 anni

IMA S.p.A., abbreviazione di I.M.A. Industria Macchine Automatiche, è una società italiana, a capo del Gruppo IMA, con sede a Ozzano dell’Emilia. È tra le principali aziende internazionali specializzate nel processo e nel confezionamento di prodotti farmaceutici, cosmetici, alimentari, tè e caffè. I.M.A. è stata fondata nel 1961 da Andrea Romagnoli. La prima macchina fu progettata dall’azienda negli anni ’60 per il confezionamento prodotti in polvere in buste di carta. Nel 1963 la famiglia Vacchi acquistò il 52% delle quote aziendali e nello stesso periodo lanciò la produzione di macchine automatiche per il confezionamento del tè in filtro, di cui oggi è leader mondiale. Nel decennio successivo IMA avviò un nuovo settore di produzione nell’ambito farmaceutico, lanciando una macchina per il confezionamento dei blister.

Ricerca e Sviluppo

Il Gruppo IMA è titolare di oltre 1.400 tra brevetti e domande di brevetto attivi nel mondo e ha lanciato numerosi nuovi modelli di macchine negli ultimi anni. Oltre 500 dei suoi 5.200 dipendenti sono progettisti impegnati nell’innovazione di prodotto. Nell’ultimo decennio sono state portate avanti acquisizioni a livello internazionale, con una conseguente crescita della gamma produttiva.

Importanti Acquisizioni

Ad inizio anno IMA ha perfezionato il closing per l’acquisto di una quota del 70% nella società MAI con sede in Mar del Plata, Argentina, che produce e commercializza macchine per il confezionamento di tè e tisane in sacchetti filtro. Mentre ad Aprile IMA, tramite la controllata GIMA, ha perfezionato il closing per l’acquisto dell’80% del capitale della società Mapster, società attiva nella progettazione, produzione e commercializzazione di macchine automatiche per il riempimento e confezionamento di capsule per il settore caffè (single serve).

Solidi Bilanci

Come i risultati definitivi del 2016, Ima ha comunicato di aver chiuso l’esercizio con ricavi per 1,31 miliardi di euro, in aumento del 18,1% rispetto agli 1,11 milioni ottenuti nell’esercizio precedente, grazie anche al contributo dei neo acquisiti business Medtech e Telerobot, consolidati rispettivamente dai mesi di aprile e maggio 2016. Il margine operativo lordo ante partite non ricorrenti è cresciuto del 17,5%, passando da 157,52 milioni a 185,08 milioni di euro. IMA ha terminato lo scorso esercizio con un utile netto (esclusa la quota di terzi) di 93,54 milioni di euro, risultato che si confronta con i 69,92 milioni contabilizzati nel 2015; l’utile per azione è stato di 2,43 euro. A fine 2016 l’indebitamento netto era pari a 99,9 milioni di euro, in contrazione rispetto ai 163,1 milioni di inizio anno, in seguito alla generazione di cassa delle attività operative pari a 128,43 milioni di euro. Sempre a fine 2016 il portafoglio ordini era cresciuto a 766,2 milioni, evidenziando un aumento del 17,9% rispetto ai 649,9 milioni di inizio anno, grazie alla finalizzazione di numerose trattative nei core business del gruppo (farmaceutico e food). IMA ha distribuito un dividendo 2017, relativo all’esercizio 2016, di 1,6 euro per azione, in aumento rispetto gli 1,4 euro assegnati lo scorso anno.

Ottima Trimestrale

IMA ha pubblicato come risultati del primo trimestre del 2017, ricavi per 294,4 milioni di euro, in aumento del 20,6% rispetto ai 244,2 milioni ottenuti nei primi tre mesi dello scorso anno. Il margine operativo lordo ante partite non ricorrenti è cresciuto del 36,4%, passando da 21,7 milioni a 29,6 milioni di euro; di conseguenza, la marginalità è salita dall’8,9% al 10,1%. IMA ha terminato lo scorso trimestre con un utile netto (esclusa la quota di terzi) di 9,3 milioni di euro, risultato che si confronta con i 5,1 milioni contabilizzati nei primi tre mesi del 2016. A fine marzo l’indebitamento netto era pari a 190,2 milioni di euro, in aumento rispetto ai 99,9 milioni di inizio anno, ma in calo rispetto ai 220,5 milioni di fine marzo 2016. Sempre a fine marzo il portafoglio ordini era cresciuto a 855,3 milioni di euro, grazie alla finalizzazione di numerose trattative in tutte le aree di business del gruppo.

Previsioni

Per l’esercizio in corso i vertici di IMA prevedono ricavi superiori agli 1,4 miliardi di euro, mentre il margine operativo lordo dovrebbe attestarsi a circa 205 milioni.

Ima, azioni italiane, investire Italia, migliori azioni Italia

Evoluzione in Borsa

Nel 2001 il titolo IMA è entrato a far parte del segmento S.T.A.R. (Segmento Titoli ad Alti Requisiti) della Borsa Valori di Milano e da allora è cresciuto del 900% circa.

mercoledì 14 giugno 2017

Analisi tecnica: l'importanza dei volumi, Chaikin e OBV

Il volume è semplicemente il numero di azioni o contratti tradati in un dato periodo – di solito un giorno. Spesso, il volume è espresso come un grafico a barre direttamente sotto il grafico dei prezzi con l’altezza delle barre che illustra quante azioni sono state scambiate per periodo. I grafici dei volumi possono anche essere analizzati per mostrare le tendenze del volume crescenti o decrescenti nel tempo.

Solitamente nella normalità, il volume degli scambi si espande durante la crescita e si contrae durante il declino, il che volume non reagisce a un aumento di prezzo o si espande durante un declino può rappresentare un segnale che la tendenza in corso subirà presto una inversione. Questo principio dovrebbe essere utilizzato solo come informazione base, dato che la prova convincente di un’inversione di tendenza può essere data solo dal prezzo delle rispettive medie.

Perchè il volume è così importante

Il volume viene utilizzato dagli analisti tecnici per confermare le tendenze ei modelli grafici. La forza di ogni movimento dei prezzi viene misurato principalmente dal volume. Infatti, un aumento del 50% di un prezzo di un titolo potrebbe non essere del tutto pertinente se si verifica con poco volume – basta guardare le società con capitalizzazione molto bassa come le penny stock.

Ad esempio, supponiamo che un titolo salga di un 5% in un giorno di negoziazione dopo essere stato in un downtrend a lungo termine. Possiamo definirla una inversione di tendenza del lungo termine? La risposta dipende dal fatto che vi sia stata una notevole quantità di volumi dietro l’insolita crescita. Se il volume fosse inferiore alla media, il downtrend probabilmente continuerà. D’altra parte, se il volume è stato significamente superiore alla media, potrebbe essere l’inizio di un inversione.

Analisi tecnica, money flow, studio dei volumi, invesrione di trend

Oltre ai movimenti giornalieri, l’andamento del volume nel tempo può essere correlato alle tendenze dei prezzi per determinare se un titolo stia guadagnando o perdendo slancio. Un esempio potrebbe essere un titolo in un trend toro che è in calo con un volume decrescente, il che suggerisce che il rally potrebbe perdere lo slancio. In questo caso, i trader potrebbero cercare una inversione e forse ridurre o vendere le loro posizioni in preparazione di un cambio di trend. Questo è conosciuto come divergenza.

Le divergenze nei volumi

L’oscillatore Chaikin è un indicatore di oscillazione dei volumi. L’oscillatore Chaikin calcola l’accumulazione/distribuzione (ADL) e applica due medie mobili esponenziali di lunghezza variabile. Il valore di Chaikin viene quindi derivato sottraendo l’EMA più lunga dell’ADL dal termine più breve dell’EMA dell’ADL. In definitiva questo serve a misurare lo slancio dell’ADL che fluttua tra valori positivi e negativi. Essere consapevoli dei cambiamenti di impulso può aiutare un operatore o un analista tecnico ad anticipare i cambiamenti di tendenza, poiché i cambiamenti di impulso spesso precedono i cambiamenti di tendenza.

Per notare le divergenze dei volumi si utilizzano degli indicatori di oscillazione. Gli oscillatori misurano la posizione dei dati correnti per un fattore specifico (come prezzo, impulso o volume) rispetto all’intera gamma di tale fattore per un determinato numero di chiusure storiche. Il calcolo per gli oscillatori prende in considerazione vari fattori. Una situazione in cui il calcolo di un oscillatore produce picchi inferiori, mentre il prezzo dell’azione presenta nuovi massimi, indica che ogni nuovo livello raggiunto dal prezzo sottostante sta ottenendo “un debole punto” in termini di fattore misurato dall’oscillatore. Su un appropriato grafico dei prezzi, verrà visualizzato un display di divergenza negativa.

Chaikin, analisi tecnica, oscillatori di volume

Ad esempio, l’oscillatore Chaikin, prende in considerazione il volume di negoziazione del sottostante. In una situazione di divergenza negativa (indicata anche come divergenza ribassista), poiché il prezzo aumenta, mentre l’indicatore Chaikin crea livelli più bassi oscillazione dopo oscillazione rispetto i prezzi, i trader possono concludere che i prezzi più alti vengono effettuati con un volume decrescente, segnalando un potenziale inversione in un trend negativo negativo. I valori solitamente scelti quando si utilizza il Chaikin sono, Fast leght 3 e Slow Leght 10.

La crescita stabile dei prezzi è accompagnata dall’aumento del volume e dalla forte accumulazione dello stesso. Poiché il volume è come il carburante che alimenta la crescita del mercato, il ritardo del volume e la crescita dei prezzi dimostrano che non c’è abbastanza carburante per continuare l’ascesa.

Viceversa, un crollo dei prezzi è di solito accompagnato da un basso ammontare e finisce per liquidare posizioni da parte degli investitori istituzionali. Pertanto, innanzitutto vediamo una crescita del volume, poi un crollo dei prezzi accompagnati da un volume ridotto e, infine, quando il mercato è vicino alla formazione, si verificano alcuni accumuli.

In terzo luogo: con un oscillatore di Chaikin è possibile tracciare il volume di risorse di denaro che entrano nel mercato. Confrontando le dinamiche del volume e dei prezzi, è possibile individuare picchi e fondamenti del mercato sia a breve che a medio termine. Poiché non ci sono metodi corretti di analisi tecnica, vi consiglio di utilizzare questo oscillatore insieme ad altri indicatori tecnici. L’affidabilità dei segnali a breve e medio termine sarà più elevata se si utilizza un oscillatore di Chaikin con, ad esempio, una media mobile di 21 giorni e qualche oscillatore di outbidding.

Il segnale più importante è quando i prezzi raggiungono un livello massimo o un livello minimo (soprattutto sul livello di outbidding), ma l’oscillatore di Chaikin non può superare il suo precedente estremo e quindi si gira. I segnali che si muovono in direzione della tendenza a medio termine sono più attendibili di quelli che si muovono contro di essa. Il fatto che un oscillatore conferma un nuovo massimo o minimo non significa che i prezzi continueranno in quella direzione. Ritengo che questo evento non sia importante. Un altro modo di utilizzare l’oscillatore di Chaikin implica quanto segue: un cambiamento nella sua direzione è un segnale per l’acquisto o una vendita, ma solo se coincide con la direzione del trend dei prezzi. Ad esempio, se un titolo è in aumento e il suo prezzo è superiore a una media mobile di 90 giorni, allora un up-turn della curva di oscillatori nell’area dei valori negativi può essere considerato come un segnale per l’acquisto (ma il prezzo deve essere superiore a una media mobile di 90 giorni – non meno).

Un down-turn della curva dell’oscillatore nell’area dei valori positivi (sopra zero) può essere considerato un segnale di vendita, ma il prezzo delle azioni deve essere inferiore alla media mobile di 90 giorni dei prezzi di chiusura.

Il volume precede il prezzo

Un concetto finale importante da capire è che il prezzo è preceduto dal volume. Gli analisti tecnici controllano attentamente il volume per vedere quando si verificheranno le inversioni, il che significa che i cambiamenti di volume possono essere un precursore dei cambiamenti dei prezzi. Se il volume diminuisce in un trend di rialzo, potrebbe segnalare che la tendenza al rialzo si sta avvicinando e potrebbe essere probabile un’inversione.

Il volume che precede il prezzo è una delle tecniche più utilizzate dagli analisti. Abbiamo fatto ampie prove di questo concetto e abbiamo sviluppato vari metodi per interpretare il volume e il suo equilibrio. L’indicatore di volume in cui abbiamo trovato la massima fiducia nel corso degli anni è l’OBV.

In molti casi, l’OBV creerà una divergenza positiva a un livello più basso ma a volte non lo fa. Queste divergenze possono essere spiegate da una transizione in cui la domanda inizia a superare gradualmente l’offerta in quanto i prezzi raggiungono un punto minimo. Le divergenze negative sono il risultato del fatto che meno acquirenti (volume più basso) stanno spingendo i prezzi verso l’alto.

L’acquisto e la vendita di segnali potrebbero essere generato da una divergenza: se il prezzo è in calo, ma il valore del titolo è in aumento (divergenza positiva) si potrebbe aspettare che presto i prezzi inizino a crescere. Simile vale anche per l’andamento della tendenza (quando il prezzo è in aumento e il titolo è in calo, presto la tendenza cambierà).

giovedì 8 giugno 2017

Cerved Spa società di rating, 100% in due anni

Cerved Information Solutions S.p.A. è un gruppo con sede a San Donato Milanese che opera come Information Provider. Valuta la solvibilità e il merito creditizio delle imprese, monitora e gestisce il rischio di credito durante tutte le fasi e definisce strategie di marketing.

Nata nel 1974 come società informatica di gestione, elaborazione e distribuzione di banche dati nazionali ad opera delle Camere di Commercio del Veneto, Cerved è cresciuta innovando continuamente i propri prodotti, sviluppando nuovi business e integrando con successo numerose aziende, confermandosi leader di mercato da oltre 40 anni.

Nel 2008 ha ottenuto il riconoscimento ECAI (agenzia esterna di valutazione del merito di credito) da Banca D’Italia, diventando la prima agenzia italiana di rating le cui valutazioni del merito creditizio possono essere utilizzate ai fini del calcolo, con il metodo standard, dei coefficienti patrimoniali prudenziali delle banche in base all’ accordo di Basilea 2.

Importanti Acquisizioni

Cerved rimane disponibile ad acquisire Juliet, la piattaforma di recupero dei crediti in sofferenza di Banca Monte dei Paschi di Siena, la cui vendita è stata sospesa nei mesi scorsi, ed è in attesa di notizie. A fine febbraio Mps e Cerved avevano reso noto che le condizioni sospensive previste contrattualmente per il perfezionamento del progetto Juliet non si erano verificate entro il termine previsto e che pertanto l’accordo precedentemente raggiunto era privo di efficacia. In questo contesto, Cerved aveva comunque manifestato la propria disponibilità a estendere il termine delle trattative entro fine giugno. E lo scorso 2 maggio, in occasione della conference call sui risultati del primo trimestre 2017, l’ad di Cerved, Marco Nespolo, aveva confermato che la società sta discutendo con Mps “un nuovo accordo”. Nei prossimi 12 mesi dovrebbero vedere l’esecuzione alcune operazioni rilevanti per il sistema, per un totale di circa 50-55 miliardi di euro di Npl lordi: oltre a Mps (29 miliardi di Npl lordi più la potenziale vendita della piattaforma di gestione Juliet), la Resolution Vehicle Rev (9-10 miliardi), Veneto banca -Popolare di Vicenza (8-9 miliardi) e altre operazioni che vedono coinvolte Atlante. Cerved si aspetta di acquisire una quota di mercato consistente in funzione delle loro capacità/performance operative.

Cerved Credit Management Group ha siglato un accordo con Barclays Bank per affidare, in esclusiva al gruppo Cerved, il coordinamento dei servizi di gestione del portafoglio di mutui per un valore di circa 11,4 miliardi di euro, a partire da giugno di quest’anno. Questo accordo segue la firma della lettera di intenti avvenuta in data 7 febbraio.

Cerved e SACE (Gruppo Cdp) hanno finalizzato un accordo di collaborazione per offrire alle imprese servizi più efficaci in Italia e all’estero. Grazie all’accordo, le due società metteranno a disposizione dei rispettivi clienti i servizi di recupero crediti all’estero sviluppati da SACE e i servizi di recupero credito sul territorio nazionale sviluppati da Cerved Credit.

Ottima Trimestrale

Cerved Information Solutions ha chiuso il 2016 con ricavi per 377 milioni di euro, in aumento del 6,6% rispetto ai 353,5 milioni registrati nell’esercizio precedente. Su base organica l’incremento è stato del 4,1%. Il margine operato lordo adjusted è salito a 180 milioni di euro, il 5,4% in più rispetto ai 170,8 milioni del 2015; tuttavia, la marginalità si è ridotta dal 48,3% al 47,8%. La società ha terminato lo scorso anno con un utile netto di 58,7 milioni di euro, rispetto ai 3,6 milioni contabilizzati nell’esercizio precedente. L’utile netto adjusted, che esclude gli oneri e i proventi non ricorrenti, il costo ammortizzato dei finanziamenti, l’ammortamento dei plusvalori allocati emersi dai processi di aggregazione aziendale, è aumentato del 34,2% a 92 milioni. A fine 2016 l’indebitamento netto è sceso a 523,4 milioni di euro, rispetto ai 536,8 milioni di inizio anno. Nell’intero esercizio il flusso di cassa operativo del gruppo è stato pari a 144 milioni di euro.

Previsioni

Per il 2017 i vertici di Cerved Information Solutions prevedono una crescita dei ricavi e del margine operativo lordo, basato sul contributo di tutte le divisioni. Il management di Cerved Information Solutions ha proposto la distribuzione del dividendo 2017, relativo all’esercizio 2016, per un ammontare complessivo di 0,247 euro (0,218 euro ordinario e 0,029 euro straordinario); la cedola è stata staccata il 2 maggio e messa in pagamento il 4 maggio.

Cerved, azioni italiane, investire Italia, migliori azioni Italia

Evoluzione in Borsa
Quotata nel listino All-Share di Borsa Italiana da giugno 2014, da inizio 2017 il valore dell’azione Biesse è cresciuto del 20%, mentre da gennaio del 2015 il titolo è salito del 117% circa.

martedì 6 giugno 2017

Col dollaro che arranca, lo scettro passa all'Oro

L’oro si è mantenuto costante dopo aver toccato il picco più alto delle ultime 6 settimane, incoraggiato dai deludenti dati sul lavoro degli Stati Uniti che sembravano abbassare le prospettive di una serie aggressiva di aumenti dei tassi di interesse americani. La crescita degli impieghi statunitensi è stata rallentata nel mese di maggio e gli incrementi occupazionali nei due mesi precedenti non erano altrettanto forti come quelli precedentemente riportati, suggerendo che il mercato del lavoro sta perdendo slancio, nonostante il tasso di disoccupazione sia sceso a un tasso più basso degli ultimi 16 anni, 4,3%.

Con la settimana di trading abbreviata nei mercati statunitensi, non abbiamo realmente notizie importanti sui prezzi dell’oro, ad eccezione dei numeri sulla disoccupazione. Tuttavia l’Oro non è rimasto piatto, ma ha continuato ad avanzare regolarmente, con un guadagno dello 0,78% venerdì per chiudere la settimana al rialzo.

I futures dell’oro americano in agosto sono aumentati dello 0,2 per cento a 1.283,3 / oncia. Il palladio ha raggiunto gli 843,10 dollari l’oncia, il prezzo più forte del metallo dal settembre 2014. Probabilmente la spinta principale dell’Oro è stato il dollaro, che si muove inversamente metallo a causa dello stato del dollaro come valuta corrente di riserva e concorrente come bene di rifugio all’oro. Competono anche attraverso il costo delle opportunità, con l’offerta di dollari e oro che offrono una protezione contro l’inflazione, che però indebolisce il dollaro.

Ci aspettiamo che l’oro possa trovare un periodo di turbolenza mentre ci avviciniamo all’ipotetico rialzo dei tassi di giugno, ma le cose potrebbero aprire nuovi spiragli di salita per il prezioso metallo nel post-meeting, se le parole usate dalla FED sono di un calo strutturale dell’economia

ha dichiarato l’analista di INTL FCStone Edward Meir

Nel frattempo, dopo un attacco militante su un quartiere notturno di Londra questo fine settimana, il primo ministro britannico Theresa May riprenderà la campagna lunedì per le elezioni nazionali previste in tre giorni. Il voto dovrebbe essere molto più stretto di quanto previsto in precedenza.

Dall’inizio dell’anno, l’indice del dollaro è sceso del 6%. L’incertezza circa la direzione degli Stati Uniti sotto l’amministrazione Trump continuano a sopprimerlo. I fondamentali degli Stati Uniti non sembrano molto solidi, ci sono coinvolgimenti con la Russia, le tensioni geopolitiche sembrano pesare sul dollaro dopo ogni notizia postata sui giornali, e proprio questa settimana abbiamo avuto notizia che Trump si è ritirato dall’accordo sul clima di Parigi. Tutti questi fattori hanno contribuito al declino del dollaro.

Oro, Gold, madia mobile, analisi tecnica, Outlook 2017, stime 2017

Trump e il fattore tassi di interesse

Il principale fattore, tuttavia, è stata la debole politica del dollaro di Trump. Dalla discussione con i giornalisti su cosa pensa sul fatto che il dollaro sia troppo forte, ha accusato la Germania di manipolare l’euro, la Cina lo yuan, e i i giapponesi di svalutare lo yen contro il dollaro. Non possiamo dire che Trump non sia stato attivo nel discutere il dollaro. Ma bastano questi punti per rendere il dollaro debole? Pensiamo di No. Ci sono altri fattori importanti.

I futures dei Fed Funds hanno abbassato le loro aspettative per tre escursioni di tassi quest’anno, nonostante la le parole del presidente della FED, Janet Yellen, che pensa che i numeri negativi del Q1 siano “transitori”. Secondo lo strumento FedWatch Tool del Gruppo CME, il mercato pensa che nel corso di una riunione di giugno si prevede un aumento del tasso di interesse del 94,6%, nonostante tutti i dati economici bassi. Credo che avremo un’escursione nel mese di giugno e non ci sarà una sorpresa perché i funzionari federali stanno ancora parlando di tre aumenti di tassi di interesse quest’anno.

I macroeconomici del lavoro non sono così eccezionali

A maggio negli Stati Uniti sono stati creati meno posti di lavoro del previsto (138.000) e la crescita dei salari è rimasta contenuta (+0,2% mensile) ma il tasso di disoccupazione è sceso ai minimi del maggio 2001 ed è oggi pari al 4,3%.

Un dato che dipende dal fatto che molte persone lasciano il lavoro senza cercare nuova occupazioni più che da un aumento di quelle che trovano un lavoro nuovo. Questi numeri non dovrebbero pesare sulla decisione della Federal Reserve di alzare i tassi nella riunione di giugno.

E’ iniziato tuttavia il dibattito su quando e se ci sarà la terza stretta del 2017 messa in conto dalla banca centrale Usa e attesa dal mercato a settembre. Quel mese sarà infatti politicamente molto intenso: il Congresso dovrà aumentare il tetto al debito e approvare i finanziamenti per l’anno fiscale che inizierà il primo ottobre.

giovedì 25 maggio 2017

Altria Group, prezzo dell'azione diretta a quota 100$

Altria Group è una holding. E’ impegnata nella produzione e vendita di sigarette e di altri prodotti negli Stati Uniti; UST LLC (UST), tramite le sue controllate si occupa della produzione e vendita di prodotti vinicoli e John Middleton Co. (Middleton) è impegnata nella produzione e vendita di sigari fatti a macchina di grandi dimensioni. Philip Morris Capital Corporation (PMCC), un’altra società interamente controllata da Altria Group, gestisce un portafoglio leasing su leveraged finance. Inoltre la società ha ottenuto un 27,3% di voto in SABMiller plc (SABMiller) a partire dal 31 dicembre 2009.

Altria Group (MO) è un titolo azionario scelto per due motivi principali: In primo luogo è un titolo di rifugio, viene spesso scelto quando i mercati sono instabili, il suo Beta basso e la sua propensione a mantenersi conservativa, grazie al prodotto che vende, lo rendono un titolo davvero molto valido per il medio/lungo periodo. In secondo luogo, i suoi dividendi. Paga una cedola molto interessante, circa il 3.50% in crescita da 8 anni di fila.

Altria Group, titolo difensivo, conservativo, azioni americane, vendita sigarette, media mobile, analisi tecnica MO

I suoi fondamentali

La crescita dei ricavi di Altria Group (MO) ha superato leggermente la media del settore dell’1,5%. Dallo stesso trimestre di un anno
fa, i ricavi sono aumentati dell’1,3%. Questa crescita dei ricavi sembra aver leggermente abbassato le stime dell’azienda però migliorando l’utile per azione. Il titolo è aumentato nel corso dell’ultimo anno in quanto gli investitori hanno premiato l’azienda per i suoi guadagni.

Per quanto riguarda i prossimi mesi o anni, il titolo ha ancora forti potenziali di crescita, nonostante il fatto che abbia fatto benissimo nell’ultimo anno. La crescita del reddito netto rispetto allo stesso trimestre di un anno fa ha superato significativamente quello del settore tabacco, ma è inferiore a quella dello S&P500. Il reddito netto è aumentato del 15,1% rispetto a quello dello stesso trimestre dell’anno precedente, passando da 1.217,00 a 1.401,00 milioni di dollari.

Altria Group (MO) ha registrato un miglioramento dell’utile per azione del 16,1% nel trimestre più recente rispetto all’anno precedente. L’azienda ha dimostrato un modello di crescita positiva per azione negli ultimi due anni. Tuttavia, anticipiamo la mancanza di prestazioni rispetto a questo modello nella prossimo anno. Nell’ultimo esercizio fiscale ha aumentato le sue stime di EPS a $ 7.29 contro $ 2.68 rispetto l’anno precedente. Per il prossimo anno, il mercato si aspetta una contrazione del 54,9% nei guadagni (3,29 dollari contro 7,29).

Una cosa che appare subito evidente dai suoi dati finanziari è che il bilancio è lievemente leveraged, dato un valore aziendale che è di soli 10 miliardi superiore alla capitalizzazione di mercato, dato che il cash flow operativo adjusted di circa $ 10 miliardi implica una leva finanziaria netta molto conservatrice di 1x. Altria Group (MO) potrebbe facilmente aumentare il debito in un lampo se volesse – diciamo di altri $ 10 miliardi o giù di lì. Tuttavia, se una struttura del capitale più allungata è la via da seguire, abbiamo pochi dubbi che continuerà a prestare attenzione al suo rating, che è comodamente in territorio investment-grade in questi giorni.

MO, Altria Group, dati fondamentali, bilancio, azioni dividendo, titoli americani, stime prossimi due anni, dividendi 2018

Il valore del prezzo, quanto può salire

Altria sul suo sito web scrive La società è di proprietà e gestita da Miller Brewing dal 2002, quando Miller Brewing si fondò con South African Breweries plc, formando il secondo più grande produttore di birra al mondo, SABMiller. Altria ha mantenuto un interesse economico del 27 per cento in SABMiller.

L’ultimo pezzo di informazioni che ho bisogno prima di tentare di stimare i pagamenti futuri del dividendo è il rapporto debito-equity. Un elevato livello di indebitamento può limitare la crescita del dividendo futuro, perché idealmente i dividendi non verranno pagati dall’incremento del debito. Altria Group (MO) ha un D/E di 1,09, che è superiore alle nostre stime, ma non dovrebbe portare ad una scarsa crescita per il dividendo e il valore azionario.

Altria Group (MO), insieme ad altri titoli di tabacco come Philip Morris (PM) e Reynolds American (RAI), sembrano impermeabili ai costanti aumenti di tasse e preoccupazioni riguardanti le leggi sulla salute. Questo ci ha spinto a credere nell’azienza, ache perchè la sua diversificazione in altri settori, come i sigari e i vini, le danno la possibilità di ampliare il mercato molto più che le sue competitor.

Noi abbiamo il titolo azionario Altria Group (MO) in portafoglio da 6 mesi, stiamo realizzando un +14% esclusi i lauti dividendi, che ci porterebbero intorno al +16%. Crediamo che possa raggiungere quota 100$. Ricordiamo che negli ultimi 5 anni, il titolo ha realizzato il +150%.